Smagliature, cosa si può fare?

I medici le chiamano “atrofie dermo epidermiche a strie” mentre le donne le chiamano (maledette) smagliature. Sono vere e proprie lesioni del derma simili a quelle che si formano quando c’é una cicatrice. Sono le smagliature, piccole lesioni di carattere estetico che compaiono quando la pelle non è sufficientemente elastica, e si presentano come aree infossate, generalmente rettilinee, di tessuto atrofico, parallele tra loro e perpendicolari al senso di “trazione” della cute. La causa è sempre una insufficiente elasticità del derma.

In inglese si chiamano stretch mark…

Il nome in inglese stretch mark è molto efficace per descrivere la formazione di questo odiato inestetismo. Stretch vuol dire stirare e mark vuol dire segno. Cioè le smagliature sono il segno di uno stiramento della pelle oltre la sopportazione della stessa. Ad ulteriore conferma di questo concetto si può notare che le smagliature si formano in maniera perpendicolare al vettore di trazione. Le smagliature che vengono per un troppo veloce sviluppo (crescita) sono orizzontali. Le smagliature che vengono a seguito dell’ aumento di peso sono verticali e comunque perpendicolari alla trazione cutanea.

Smagliature: Come nascono?

Le fibre collagene, sostanza responsabile della elasticità della pelle, vengono lesionate e i margini tendono ad allontanarsi.  La prima conseguenza è un assottigliamento della cute. In questa fase le lesioni appaiono rosse o violacee a causa dell’irrorazione sanguigna della parte. In una seconda fase il tessuto smagliato diventa atrofico sia nella componente epidermica che dermica. Si forma quindi una leggera depressione della pelle che si infossa in corrispondenza del cedimento, ed ecco il formarsi della smagliatura bianca. Le smagliature vengono principalmente alle donne dai 15 ai 30 anni di razza caucasica. Di solito compaiono a causa di sbalzi di peso e con la gravidanza. Ad esserne soggette anche in maniera lieve sembra sia quasi il 90% delle donne bianche.

Come eliminare le smagliature?

Fino a poco tempo fa il trattamento della smagliatura era solamente di tipo cosmetico e, in quanto indelebili, queste venivano affrontate solo per renderle meno visibili, ma non certo per eliminarle. Eppure, per quanto positivi fossero gli esiti di queste cure estetiche, nessuna si poteva definire risolutiva. Attualmente con le tecniche di micro chirurgia è possibile ridurre le smagliature in maniera progressiva ma efficace. La micro chirurgia si basa su una serie di micro asportazioni di tessuto smagliato in due o tre sedute.