Donare dinamicità e giovinezza agli occhi appesantiti da palpebre cadenti e borse. Tutto il primo terzo del viso diventa più luminoso e definito. In parte dovute a fattori costituzionali, in parte legate all’invecchiamento, borse e palpebre pesanti sono inestetismi che incidono negativamente sull’armonia del volto, che rendono lo sguardo meno interessante, che rimpiccioliscono l’occhio. Cancellarle è semplice con questa procedura chirurgica che prevede l’eliminazione, nella palpebra inferiore e superiore, dei piccoli accumuli di adipe responsabili dei rigonfiamenti e della cute rilassata in eccesso. Vedere foto blefaroplastica prima dopo l’intervento chirurgico aiuta a formarsi una corretta idea del risultato ottenibile. 

Tecnica blefaroplastica

Le incisioni avvengono sulla palpebra superiore e/o inferiore e servono ad eliminare gli eccessi di cute e rimuovere le antiestetiche borse.

Si eseguono le incisioni lungo la piega della palpebra superiore e lungo la linea ciliare inferiore. Si asporta quindi la cute ptosica che appesantisce l’occhio e riduce il campo visivo e gli accumuli che determinano le borse sottopalpebrali. La zona d’intervento è limitata e superficiale, perciò è sufficiente l’anestesia locale accompagnata da sedazione. Lo stato di sedazione profonda indotto prima dell’anestesia evita al paziente anche il disagio delle infiltrazioni di anestetico.

Le cicatrici post blefaroplastica sono praticamente invisibili, in parte per l’elevata capacità di cicatrizzazione della pelle in questa zona, in parte perché le incisioni sono praticate in punti nascosti, lungo le naturali pieghe cutanee. Subito dopo la blefaroplastica si applicano i cerotti per coprire i punti. Il quarto giorno i punti vengono sostituiti da piccoli cerotti. In ottava giornata si eliminano le medicazioni e si pratica la terapia laser.

La blefaroplastica può considerarsi un intervento definitivo, in quanto viene asportata la cute eccedente, ma gli esiti sono comunque legati ad alcuni fattori come l’invecchiamento e lo stress.

Anestesia blefaroplastica

Gli interventi di blefaroplastica sono realizzati secondo una tecnica anestesiologica chiamata neuroleptoanalgesia, che prevede l’abbinamento dell’anestesia locale con una sedazione profonda, per cui il paziente dorme ed affronta serenamente l’intervento pur evitando l’anestesia generale, con i disagi ad essa connessi. Grazie a ciò e all’accuratezza in ogni fase operatoria, il paziente affronta la chirurgia con serenità.

Blefaroplastica cicatrici e medicazioni:

Le medicazioni postoperatorie sono solo due e il rientro alla normale vita sociale avviene in 8 giorni. Le sottili cicatrici sono posizionate lungo le naturali pieghe dell’occhio e tendono a sbiadire in breve tempo, rendendosi esteticamente irrilevanti. Gli occhi appaiono più vivaci ed interessanti.

Blefaroplastica costi

Il costo della blefaroplastica varia a seconda che sia praticata solo sulla palpebra superiore o inferiore o su entrambe. Il prezzo può oscillare da un minimo di 2000 / 2.500 € ad un massimo di 3.000 / 3.500 €, secondo il grado di correzione attuata.

Blefaroplastica rischi e complicanze

Dopo l’ intervento possono verificarsi condizioni di secchezza o irritazione dell’occhio che richiedono una terapia specifica: talvolta può verificarsi una perdita di sensibilità o piccoli disagi all’occhio. Molto raramente possono verificarsi le seguenti complicanze: asimmetria delle rime palpebrali, imperfetta chiusura delle palpebre, danni alla vista con perdita della funzione.

Piu informazioni:

Blefaroplastica

Chirurgia estetica occhi